Whisky Kirin Fuji Sanroku

54,85

Prodotto in Giappone ai piedi del monte Fuji come riporta anche l’etichetta. Il luogo infatti, si presta benissimo con le sue caratteristiche, a rendere il prodotto unico e con le componenti qualitative di alto spessore. Un blended whisky formato da whisky di grano e single malt invecchiato in botti per 3 anni. Dal colore giallo oro, al naso arriva con sentori caramellati, frutta secca e corteccia. Al palato si presenta ben strutturato nella nota alcolica che lo rende caldo e liscio, i sapori si alternano tra spezie scure, una punta vanigliata e e caramello.

Categoria: Tag: , ,

Descrizione

Un’esclusiva giapponese, questo imbottigliamento ad alto contenuto alcolico di Kirin è stato lanciato nel marzo 2016. La miscela presenta whisky a grana media e pesante combinati con una minore componente di malto torbato. Anche il capo frullatore, Jota Tanaka, ha deciso di imbottigliare questo non-chill filtrato e al 50%. Secondo Nonjatta, “Il nuovo ‘Fujisanroku 50°C’ è il primo blended whisky giapponese NC di livello base generalmente e permanentemente disponibile che non viene filtrato a freddo. Una mossa audace ma che, siamo sicuri, ripagherà. Sicuramente lo fa per noi bevitori… il primo sorso che prendi, lo sai!”

Quasi sconosciuto al di fuori del Giappone, Fuji Sanroku che significa “ai piedi del Monte Fuji”, è prodotto nella distilleria Fuji Gotemba, aperta nel 1973 e di proprietà del Gruppo Kirin. Per quanto riguarda i luoghi iconici, è difficile battere il pittoresco ambiente di questa distilleria. La fonte d’acqua è pioggia e neve sciolta dalla cima del Monte Fuji. La maturazione avviene tipicamente in botti x-Bourbon. Mentre il focus è sul whisky di grano, una quantità di whisky di malto è anche prodotto e commercializzato sotto varie etichette (Gotemba e Sanroku), oltre a costituire un componente dei whisky miscelati Kirin.

Note di degustazione: Brillante oro profondo. Le annusate in apertura suggeriscono strudel di mele, pera stufata, gomma da masticare e vaniglia. Il contatto con l’aria aggiunge sentori di mais maturo / cereali misti. Sottostimato all’ingresso con un profilo succoso, vibrante e bourbonesco con sapori cremosi di mela caramellata, pannocchia di mais salata e pepe. Conclude amabile, speziato ma ben equilibrato con frutti di frutteto, gobstop e cremosità persistente. 50% Alc./Vol.

Kirin non è conosciuto negli Stati Uniti per i suoi alcolici, ma più per la sua birra e gli alcolici più leggeri. Eppure, Kirin è uno di quei colossi aziendali che hanno una mano in più prodotti e marchi di quanto ti aspetteresti mai. Ad esempio, solo negli Stati Uniti, Kirin possiede Four Roses e Robert Mondavi Wines. Esci dagli Stati Uniti e aggiungi la distribuzione di Coca-Cola nel nord-est del Giappone, vini rossi cileni, birre in Myanmar, happoshu, tè e caffè, per non parlare del suo divisione farmaceutica.

In termini di whisky americano, Kirin rivendica anche l’eredità dell’ormai defunto gruppo Seagrams. Un tempo un impero a sé stante, Seagrams era una volta il più grande proprietario di linee di bevande alcoliche nel mondo (fino al 1990, in effetti). MGP nell’Indiana? Un ex stabilimento Seagrams. Fabbriche lungo il fiume a Peoria, Illinois? Seagram. Seven Crown, Crown Royal, Conoco, l’edificio TIAA di New York? Seagrams, e all’epoca in cui fu costruito, il grattacielo più costoso mai costruito.

Negli anni ’90, tuttavia, Seagrams è semplicemente imploso. I suoi componenti sono stati venduti a Coca-Cola, Pernod Ricard, Diageo e una manciata di altri. Il marchio Four Roses alla fine si è fatto strada nel portfolio di Kirin nel 2002 – Consiglio vivamente la storia di Four Roses di Al Young di leggere come lui, Jim Rutledge e i loro nuovi capi Kirin hanno rifatto Four Roses nel colosso che è oggi. E se ti piace il whisky americano e non sai chi fosse Al Young, vai prima a cercarlo!

Comunque – Kirin non era nuovo nell’industria del whisky dopo aver acquisito Four Roses. Distillavano dal 1973 presso la Fuji Gotemba Distillery ai piedi del Monte. Fuji. Ironia della sorte, la distilleria originale è stata costruita con il sostegno di Seagrams, con il sostegno meno ironico di Chivas Brothers e Kirin Brewery. I whisky della Fuji Gotemba Distillery sono, ancora una volta, più proliferi di quanto ti aspetteresti. Inoltre, la stessa distilleria è enorme – la Scozia e il livello di MGP enorme – producendo fino a 12 milioni di LPA di single malt e whisky di grano. Il grano e l’orzo vengono importati dall’Irlanda e dalla Scozia, poiché è ancora più economico importare su quella scala che acquistare cereali nativi giapponesi.

Kirin Fuji-Sanroku è stato introdotto nel 2016 come NAS, NCF Japanese Whisky con un 50% ABV/100º relativamente alto. Kirin si appoggia forte alla loro fonte d’acqua come parte della storia – e poiché la loro fonte è lo scioglimento della neve dal Monte. Fuji, perché non dovrebbero! – anche al nome: Fuji-Sanroku si traduce in “ai piedi del Fuji”. Devo ammetto, non sapevo cosa aspettarmi, ma sono rimasto davvero piacevolmente sorpreso da questo. È una miscela entry-level, ma buona, con una solida sensazione in bocca per sostenere i classici sapori del whisky giapponese.

Informazioni aggiuntive

Capacità (l)

Formato

Bottiglia

Gradazione alcolica (%)

50

Provenienza

Giappone

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Whisky Kirin Fuji Sanroku”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai domande su Whisky Kirin Fuji Sanroku?