Gin Bombay Sapphire

21,96

Il Gin più aromatico che esiste, è questo ciò che caratterizza di più questo particolare gin e gli dona il prestigio che merita. Può essere bevuto anche liscio rigorosamente ghiacciato. Inglese al 100%, ottenuto attraverso un processo di distillazione unico: viene distillato  l’alcol separatamente dai cereali per tre cicli di distillazione. Saranno perciò soltanto i vapori di questa distillazione ad arricchirsi dei profumi dei dieci ingedienti segreti situati in apposite celle perforate. Color adamantino, al naso presenta delicati aromi di ginepro e mix di erbe selvatiche. Il sapore è morbido, rilascia al palato sentori di note floreali, liquirizia e angelica.

Categoria: Tag: ,

Descrizione

Originariamente inventato come liquore medicinale nel Medioevo, c’è molto sul gin in generale che rimane un mistero, come la sua origine definitiva. Ciò significa che c’è sicuramente molto altro da imparare su un gin con un nome misterioso come Bombay Sapphire. Pronipote della distilleria di gin del 1761 fondata da Thomas Dakin a Warrington, in Inghilterra, Bombay irruppe per la prima volta sulla scena alla fine degli anni ’80. In un momento in cui molti si godevano la musica pop e prendevano decisioni discutibili sui capelli, Bombay ha portato il marchio e la produzione in una direzione completamente nuova. Concentrandosi sul sapore, Bombay ha aperto la strada allo stuolo di gin artigianali, artigianali e da giardino che conosciamo e amiamo oggi. L’edificio del Laverstoke Mill dove risiede la distilleria di Bombay Sapphire risale almeno al 1086, quando fu documentato nel “Domesday Book” di re Guglielmo il Conquistatore. Il sito ha visto una serie di iniziative, tra cui una cartiera del 18° secolo che stampava banconote per il governo inglese, e ha subito una famigerata rapina nel processo, prima di assumere il suo attuale ruolo di sofisticato impianto di produzione di alcolici.

La storia reale del marchio va più in profondità dell’etichetta.

La distilleria ha un passato decisamente regale, con il re Enrico VIII che acquisì il maniero nel 1538. Seguirono una serie di visite reali, l’ultima delle quali fu della regina Elisabetta nel 1962. L’austera regina Vittoria sull’etichetta potrebbe farla sembrare vecchia -scuola, ma Bombay Sapphire è entrata nel mercato solo nel 1987, mettendola contro giganti del London Dry come Beefeater e Tanqueray. Il marchio ha acquistato l’edificio storico nel 2010 e aperto al pubblico quattro anni dopo.

Il segreto del suo sapore

Il gin viene distillato molto come la vodka, tranne che nel caso del gin, lo spirito di grano neutro risultante è infuso con il suddetto bouquet botanico. La maggior parte dei produttori di gin intinge botaniche nello spirito come le foglie di tè, ma Bombay in realtà le culla in un cesto di rame perforato contenuto in un alambicco Carterhead. Lo spirito distillato viene delicatamente infuso mentre emette vapore attraverso le botaniche, l’obiettivo è un profilo aromatico più delicato. La miscela brevettata di botanici di Bombay Sapphire include alcuni soliti sospetti (ginepro, corteccia di cassia, liquirizia, agrumi) e alcuni personaggi meno noti (bacche di cubeb marocchine, un membro della famiglia dei peperoni con un sapore che è un incrocio tra quello del pimento e del granello di pepe) . Ma se vuoi scavare ancora più a fondo, dai un’occhiata all’analisi dei prodotti botanici di Bombay del chimico John Emsley. Alcuni asporto divertenti: la liquirizia contiene una molecola 30 volte più dolce dello zucchero e potresti trovare il coriandolo nel tuo gel doccia.

Informazioni aggiuntive

Capacità (l)

Formato

Bottiglia

Gradazione alcolica (%)

40

Provenienza

Regno Unito

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Gin Bombay Sapphire”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai domande su Gin Bombay Sapphire?