Elisir Borsci S.Marzano

23,45

L’elisir Borsci S.Marzano nasce nella prima metà dell’800. Si tratta del liquore del sud Italia più antico in commercio e la sua ricetta è stata perfezionata una volta ereditata da Giuseppe Borsci. Famoso per la sua versatilità, l’Elisir Borsci si può bere liscio, come digestivo al termine di un pasto, con ghiaccio e soda. È perfetto nella mixology, ottimo d’inverno, scaldato, è perfettp come punch, idilliaco sul gelato, in accompagnamento alla pasticceria secca, nel caffè o anche nel gelato. Il colore ricorda quello del Caffè, l’odore è un mix di erbe e spezie tra cui artemisia, liquirizia e melissa.

 

Categorie: , Tag: , ,

Descrizione

Un liquore con una storia lunga centinaia di anni che ha attraversato anche due continenti merita un post di rilievo. Borsci Elisir San Marzano è un liquore della famiglia Borsci, che lasciò la regione del Caucus durante le invasioni dei turchi ottomani prima del 1400. Si stabilirono in Albania nella città di Borsh, che ha fornito le radici del loro cognome che sopravvive oggi. Tuttavia, un ramo della famiglia alla fine seguì l’eroe nazionale albanese Giorgio Castriota che venne in Puglia, in Italia, per combattere a fianco del Regno d’Aragona, che governò la regione a metà del 1400. Mentre Castriota alla fine se ne andò, molti albanesi rimasero e il nome della famiglia alla fine adottò un sapore più italiano: Borsci. La ricetta è stata tramandata di generazione in generazione, ma non è stata prodotta per il consumo commerciale fino a quando Giuseppe Borsci ha iniziato a distillarla nella città di San Marzano di San Giuseppe. Da qui il nome Borsci Elisir San Marzano.

Borsci ha un naso profondo di nocciola che suggerisce l’audacia del sapore. Il gusto riflette l’aroma e il ricco colore marrone. Immediatamente, emergono note di caffè e cioccolato. Sono gli elementi in primo piano e sfumano nel retrogusto agrodolce che persiste, con un tocco di prugna emergente.

I passaggi fiutanti trovano odori di camera d’aria in gomma, carta bruciata, lavavetri, aceto, asfalto e muschio. L’ingresso è deliziosamente agrodolce, simile a un chicco di caffè, simile al catrame, persino un tocco simile al cacao; la fase di medio palato moderatamente dolce mette in evidenza tabacco da sigaro, involucro di sigaro, prugne, fichi e uvetta nera. Finale piacevolmente agrodolce, prugnato/fruttato e carnoso.

L’imbottigliamento viene aromatizzato con Melissa, assenzio, chiodi di garofano, zafferano e molte altre botaniche, producendo un prodotto finale complesso. Borsci propone note di chicchi di caffè, fumo di sigaro, erbe agrodolci e assenzio, prugne, fichi, cioccolato, vaniglia, prugne, cannella, chiodi di garofano e liquirizia. Molto spesso, questo amaro verrà servito sul gelato, nel caffè o come shot. Un altro amaro italiano interessante da provare.

Informazioni aggiuntive

Capacità (l)

Formato

Bottiglia

Gradazione alcolica (%)

38

Provenienza

Puglia

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Elisir Borsci S.Marzano”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai domande su Elisir Borsci S.Marzano?