Bitter Campari

16,60

Il bitter Campari è uno degli aperitivi italiani più famosi al mondo. La sua storia inizia in un piccolo bar di Novara gestito da Gaspare Campari, che diede vita attraverso la sperimentazione di diversi infusi, all’omonimo alcolico. L’intento era quello di servire ai propri clienti un prodotto diverso dai soliti e che potesse essere servito in diverse modalità, quali amaro, bitter e base per cocktail. Attraverso la miscelazione di erbe amaricanti, piante aromatiche e frutti, una precisa dose di acqua ed alcol prese vita quello che oggi tutti conoscono come bitter Campari.

Il colore è di un caratteristico rosso rubino, l’odore richiama a note di spezie e piante floreali con note di frutti di bosco. Il sapore è secco e amaro ma ricco di note fruttate e speziate che rendono il sapore rotondo e deciso ma allo stesso tempo dolce e agrumato.

Descrizione

Campari è molto versatile: frutta, spezie ed erbe aromatiche sono ottimi esaltatori“, afferma Melissa Romanos, responsabile delle bevande al The Publican di Chicago. Cita agrumi, ananas, frutti di bosco, basilico, timo e spezie da forno come aventi un’affinità particolarmente buona. “Campari si presta a sour, cocktail alla birra e drink in stile Tiki”, aggiunge. La considerazione importante è combinare il giusto rapporto tra gli ingredienti. “Il modo migliore per superare qualsiasi malinteso verso uno spirito particolare è metterlo in mostra in un modo che evidenzi le sue migliori qualità e forse sminuisca quelle qualità che le persone potrebbero non trovare amichevoli”, afferma Romanos. Per compensare i toni amari intrinseci, il suo Campari Sour è unito alle note di acero e frutta secca dello sherry; il suo Nordic Winter riceve un tonificante calcio alle erbe di cumino dell’acquavite; e il Castaway Tiki-esque acquisisce una sensazione morbida in bocca dalla crema di cocco e dall’orzata. L’ABV moderato di Campari (arriva a solo 48 prove) lo rende un ingrediente perfetto per libagioni a bassa gradazione. Al The Elysian Bar di New Orleans, gran parte del programma di drink si concentra su spritz e vermouth e tonici, con un menu di aperitivi in ​​aggiunta alle offerte di cocktail più alcolici. Per bere il giorno, il barista Jesi Goodwin mescola Campari con succhi di agrumi più dolci o lo taglia con acqua gassata o spumante. Ne aggiunge anche un pizzico a un Paloma o a un sour e sostituisce il vermouth dolce con Campari per un giro su alcuni dei classici. Sebbene Campari abbia un amaro più profondo evidente all’inizio e alla fine, Goodwin lo usa (insieme al vermouth bianco) per aggiungere un tocco di dolcezza al suo C’est Chic, con lime, bitter al cetriolo e un ibisco fatto in casa e tè alla menta. “È un dissetante tonificante: idratante, medicinale, aspro, luminoso ed elegante e il suo profondo colore magenta è visivamente stimolante.” “Che ci crediate o no, Campari è un prodotto molto flessibile. Tutto dipende da come si bilanciano gli ingredienti“, afferma Vincenzo Marianella, direttore delle bevande di Fia a Santa Monica, in California. “Sebbene sia generalmente usato come modificatore, mettendosi in secondo piano rispetto ad altri alcolici come gin o bourbon, dice che può essere facilmente una base, come nel suo Novara Sour, che contiene due once piene. “Campari era il cattivo ragazzo nei cocktail ai tempi; o lo amavi o lo odiavi.

La storia del Bitter Campari

In origine, il colore rosso vivo derivava dal carminio, un colorante ricavato dalle scaglie frantumate degli insetti cocciniglia. (Non preoccuparti, però, se sei contrario all’ingestione di insetti: Campari ha smesso di usare il carminio nel 2006 dopo le pressioni di vari gruppi) .Per quanto riguarda gli altri ingredienti, la ricetta ha ed è custodita un segreto noto solo a pochi eletti. Il sito web di Campari non fornisce alcun indizio (indicando solo ingredienti noti come alcol e acqua). Alcuni hanno suggerito che uno dei sapori primari sia il chinotto, altrimenti noto come albero di arancio a foglie di mirto, che si trova, tra l’altro, nel sud della Francia e in varie parti d’Italia. Alla fine degli anni 1860, si trasferì con la famiglia a Milano, dove aprì il Caffe Campari e creò il cocktail Americano (un mix di Campari e vermouth rosso condito con acqua gassata). Man mano che la popolarità di Campari (e amari) cresceva in Italia e nei dintorni, Campari iniziò a produrre, ovviamente, di più, portando all’apertura di Sesto San Giovanni, il primo grande sito produttivo dell’azienda, nel 1904. Questa è la parte in cui la storia inizia a farsi interessante. Nel 1920, il conte Camillo Negroni (probabilmente vedete dove sta andando) chiese qualcos’altro nel suo Americano. Invece dell’acqua gassata, ha preso invece un bicchierino di gin, dando vita a quello che conosciamo come il Negroni. La popolarità di Campari ha continuato a crescere man mano che la famiglia di Gaspare Campari ha continuato a far crescere l’attività, espandendosi oltre i confini italiani nei mercati internazionali, che ora sono quasi 200. Ciò significa che, praticamente ovunque tu vada nel mondo, è probabile che ti trovi in ​​un posto dove sarai in grado di ottenere se non un Negroni, per lo meno un Campari e soda amaro ma rinfrescante.

 

Informazioni aggiuntive

Capacità (l)

Formato

Bottiglia

Gradazione alcolica (%)

25

Provenienza

Piemonte

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Bitter Campari”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai domande su Bitter Campari?