Amaretto Disaronno

19,00

L’amaretto Disaronno è usato molto in alcuni dolci tradizionali, quali le pesche ripiene alla piemontese, il bonet e alcuni tipi di tiramisù. Prende il nome dal tipico amaro.

L’amaretto croccante ha struttura interna alveolare. Ingredienti principali sono: zucchero, mandorle dolci, mandorle amare, bianco d’uovo di gallina, ma possono venire aggiunti aromi, miele, latte, lievito e, specie nella produzione industriale, conservanti.

Categoria: Tag: ,

Descrizione

Il Disaronno Originale (28% vol) è un tipo di amaretto, un liquore di colore ambrato con un caratteristico sapore di mandorla, sebbene in realtà non contenga mandorle. Viene prodotto a Saronno, in Lombardia, ed è venduto in tutto il mondo. Secondo l’azienda, il liquore è un infuso di olio di nocciolo di albicocca con “alcol assoluto, zucchero bruciato e la pura essenza di diciassette erbe e frutti selezionati”. Il liquore è venduto in una caraffa di vetro oblunga disegnata da un artigiano di Murano. Il prodotto è stato chiamato Amaretto di Saronno fino al 2001, quando è stato ribattezzato “Disaronno Originale” per motivi di marketing. Il Disaronno può essere servito liscio come un cordiale, con ghiaccio o come parte di un cocktail miscelato con altre bevande alcoliche, Coca-Cola, ginger ale o succhi di frutta. Può essere aggiunto anche alla cioccolata calda ed è un ingrediente della variante italiana dell’Irish Coffee. Il liquore all’amaretto viene utilizzato anche nel dolce italiano Tiramisù.

La storia:

Sebbene ci siano molte storie dietro diversi marchi di alcolici, sono quelle romantiche che sono le più soddisfacenti. Certo, non importa quanto sia buona la storia, non influenzerà mai il gusto, ma quando ottieni quel mix di narrativa e sapore, allora deve diventare uno dei preferiti. E quel binomio si ritrova nel Disaronno, liquore che si fregia di essere il primo amaretto, e racconta una storia di origini che racchiude arte, bellezza e segreti.
Secondo la leggenda, l’anno era il 1525 e l’artista Bernardino Luini, ex allievo di Leonardo da Vinci, fu incaricato dalla Basilica di Santa Maria delle Grazie nel nord Italia, di dipingere. un affresco della madonna. Come ogni buon pittore, Luini aveva bisogno di una musa, così assunse una giovane vedova, un oste. Presto si innamorarono e come pegno del suo amore, lei gli preparò un lotto di liquore a base di noccioli di albicocca immersi nel brandy. Il suo nome si perde nella storia, ma la sua somiglianza e la sua ricetta dell’amaretto sopravvivono. Ma non è stato fino al 1600 che Giovanni Reina (che aveva lavorato per l’azienda di biscotti all’amaretto Lazzaroni). riscoperto l’antica ricetta dell’oste. Questa presumibilmente divenne la ricetta tramandata di generazione in generazione fino a diventare Amaretto di Saronno Originale. Il liquido fu finalmente commercializzato all’inizio del 1900. Il nome fu poi abbreviato in Amaretto Disaronno. Nel 2001 l’azienda cambia nuovamente ragione sociale in Disaronno Originale. (Vale la pena notare che la famiglia Lazzaroni sostiene di aver creato l’amaretto, nel 1851). Laddove la “formula segreta” di Disaronno contiene olio di noccioli di albicocca con “alcol assoluto, zucchero bruciato e la pura essenza di diciassette erbe e frutti selezionati” (cioè senza mandorle), la versione di Lazzaroni contiene Amaretti di Saronno infusi nell’alcol. Storie di origine a parte, Disaranno ha avuto una grande popolarità come bevanda da dessert, ma funziona anche come un ottimo mixer. Molte persone sono note per aggiungerlo al loro caffè.

Informazioni aggiuntive

Capacità (l)

Formato

Bottiglia

Gradazione alcolica (%)

28

Provenienza

Lombardia

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Amaretto Disaronno”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai domande su Amaretto Disaronno?